10 Giugno 2020
COLDIRETTI GROSSETO, CORONAVIRUS: GLI AGRITURISMI ADERISCONO CAMPAGNA #IORESTOACASA, I MERCATI DI CAMPAGNA AMICA RIMANGONO APERTI, I SETTORI CASEARIO E ITTICO SONO IN CRISI

 
COLDIRETTI GROSSETO, CORONAVIRUS: GLI AGRITURISMI ADERISCONO CAMPAGNA #IORESTOACASA, I MERCATI DI CAMPAGNA AMICA RIMANGONO APERTI, I SETTORI CASEARIO E ITTICO SONO IN CRISI

I mercati di Campagna Amica di Grosseto, il martedì e il sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00 in via Roccastrada e giovedì al cortile della Chiesa del Cottolengo dalle 8.00 alle 13.00, resteranno regolarmente aperti come tutti i punti vendita diretta nelle aziende con la sola vendita di prodotti alimentari  come previsto dal decreto dello scorso 11 marzo e con l’obbligo di rispettare tutte le norme sanitarie previste per tutelare  la salute di tutti. Vi è inoltre la possibilità di consegna a domicilio dei prodotti alimentari da parte di molte aziende agricole e agrituristiche autorizzate dalla Protezione Civile su tutto il territorio provinciale. “Ricordiamo anche il valore sociale ed economico dei mercati di Campagna Amica – continua Greco - oltre a dare la possibilità al cittadino di fare una spesa sana e sicura, aiuta l’economia territoriale garantendo un reddito certo ai piccoli produttori locali. Stiamo poi attuando a Grosseto l’azione di difesa del territorio, dell’economia e del lavoro con la campagna  #MangiaItaliano per far conoscere il valore della più grande ricchezza del Paese, quella enogastronomica, con in prima linea schierati i mercati degli agricoltori e gli agriturismi di Campagna Amica”.
termini relativi ai versamenti previsti al 16 marzo saranno differiti con una norma nel decreto legge di prossima adozione da parte del Consiglio dei Ministri, con lo stesso decreto saranno introdotte anche ulteriori sospensioni dei termini e inoltre misure fiscali a sostegno di imprese, professionisti e partite IVA colpite dagli effetti dell’emergenza.  
sos.speculatoricoronavirus@coldiretti.it per raccogliere informazioni e segnalazioni sulla base delle quali agire a livello giudiziario se non verranno fornite adeguate motivazioni. Anche Coldiretti Impresapesca Grosseto lancia l’allarme dopo il crollo delle richieste da parte della ristorazione, i limiti agli spostamenti disposti dai decreti che hanno letteralmente affondato la domanda di pesce fresco proveniente dai nostri porti maremmani. A cascata si è vista la chiusura delle pescherie e dei mercati ittici all’ingrosso e alla produzione fino ad arrivare allo stop delle attività di pesca. Coldiretti Impresa pesca ha richiesto al Governo immediati interventi di sostegno alle imprese e ai lavoratori a partire dall’estensione al settore ittico delle esenzioni e delle misure per gli altri comparti produttivi in caso di perdita del fatturato derivante dall’emergenza Covid19, come nel caso in cui componenti dell’equipaggio siano messi in quarantena con conseguente arresto totale dell’attività.  Necessarie anche azioni straordinarie di sostegno all’occupazione tramite l’immediata estensione alla pesca della Cassa integrazione salariale operai dell'agricoltura o l’utilizzo della Cassa integrazione straordinaria in deroga. Le norme previste per le attività agrituristiche in merito a mancate presenze e disdette vanno estese anche alle imprese di pesca che svolgono attività di ittiturismo e pescaturismo. Vista l’attuale situazione di emergenza sanitaria, occorrerebbe inoltre concordare con la Commissione Europea un ulteriore periodo di arresto temporaneo dell’attività di pesca. Per garantire una ripresa delle attività Coldiretti Impresapesca sollecita infine la concessione di mutui a tasso zero finalizzati all’estinzione dei debiti bancari, garantiti dallo Stato direttamente o attraverso l’Ismea e strumenti agevolati di accesso al credito.
Tutti gli uffici zona di Coldiretti Grosseto, pur essendo chiusi al pubblico come richiesto dalle autorità, sono a disposizione per informazioni e per qualsiasi esigenza o per telefono al numero 0564/438911 oppure per mail all’indirizzo grosseto@coldiretti.it.