10 Giugno 2020
COLDIRETTI GROSSETO, TRASFORMATORI DISERTANO TAVOLO LATTE REGIONALE, COSI’ SI VUOLE DANNEGGIARE GLI ALLEVATORI

COLDIRETTI GROSSETO, TRASFORMATORI DISERTANO TAVOLO LATTE REGIONALE, COSI’ SI VUOLE DANNEGGIARE GLI ALLEVATORI

I trasformatori hanno disertato, non intervenendo nei fatti, il ‘tavolo latte’ regionale, convocato dall’Assessore all’Agricoltura Remaschi, vanificando di fatto il tentativo di avviare un percorso condiviso per sostenere la filiera lattiero - casearia in crisi a causa dell’emergenza Coronavirus. E’ quanto dichiara Coldiretti a margine della riunione che avrebbe dovuto profilare ogni strumento per attuare il ‘Piano Salva Stalle’.
 “C’è purtroppo chi cerca di sfruttare il proprio potere contrattuale – afferma Pietro Greco, direttore di Coldiretti Grosseto - per pagare a prezzi stracciati alimenti deperibili come il latte, la cui produzione non può essere fermata nelle stalle. Si vuole destinare 900 mila euro agli allevatori che trasformandoli in denaro sarebbero due- tre euro a pecora, quindi una stalla media prenderebbe 600/ 800 euro che, con l’abbassamento del prezzo del latte porterebbe ad una perdita enorme per ogni azienda. Chiediamo di rendere pubblici gli elenchi dei caseifici che importano latte e cagliate dall’estero e vogliono abbassare le quotazioni di latte maremmano, perché occorre evitare che i comportamenti scorretti di pochi caseifici compromettano il lavoro della maggioranza degli operatori della filiera ai quali va il plauso della Coldiretti. Chi approfitta della situazione di emergenza venga escluso dai fondi previsti per sostenere il comparto agroalimentare, come gli aiuti agli indigenti e gli indennizzi regionali. Inoltre voglio ricordare che in altre Regioni come Sardegna e Lazio il prezzo del latte non viene toccato. Si rischia così, nel nostro territorio, un danno ingente per gli allevatori in un momento di forte crisi per tutto il tessuto economico che potrà portare alla chiusura di molte stalle ”.
 “Aver snobbato l’invito a partecipare concretamente al tavolo regionale, è un atto grave da parte dei trasformatori di latte ovino che hanno deciso di abbassare unilateralmente il prezzo del latte alla stalla riconosciuto agli allevatori. Abbiamo chiesto all’Assessore Remaschi di escludere da eventuali fondi pubblici che saranno stanziati tutte le strutture che in questo momento stanno adottando tali atteggiamenti che danneggiano la filiera” ribadisce il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi.
Al contempo Coldiretti Grosseto rinnova l’appello ai supermercati affinché sia privilegiato negli approvvigionamenti delle industrie e della distribuzione commerciale il Made in Italy, preferendo i formaggi freschi e stagionati fatti con il latte toscano al posto di quelli ottenuti da cagliate straniere.
Per questo la Coldiretti ha già informato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed il Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova ed allertato tutte la rete organizzativa a livello nazionale, con uffici provinciali e locali, per monitorare gli attacchi contro le stalle attivando una casella di posta sos.speculatoricoranavirus@coldiretti.it per raccogliere informazioni e segnalazioni sulla base delle quali agire a livello giudiziario se non verranno fornite adeguate motivazioni.
Con i cittadini in fila proprio per acquistare gli alimenti base della dieta, il pretesto della chiusura di bar e ristoranti per disdire al ribasso unilateralmente i contratti è inaccettabile in un momento in cui il Paese – sottolinea la Coldiretti - ha bisogno del latte italiano. Un ricatto per lucrare sulle difficoltà proprio nel momento in cui – precisa la Coldiretti - si moltiplicano le adesioni alla mobilitazione #MangioItaliano” per invitare alla responsabilità e a sostenere la produzione nazionale privilegiando negli approvvigionamenti delle industrie e della distribuzione commerciale il Made in Italy, preferendo i formaggi con il latte toscano al posto di quelli ottenuti da cagliate straniere. Occorre evitare che i comportamenti scorretti di pochi compromettono il lavoro della maggiorana degli operatori della filiera ai quali va il plauso della Coldiretti.