207 Views

13 Aprile 2022
EXPORT: ESPORTAZIONI MADE IN MAREMMA TORNANO A LIVELLO PRE-COVID, MERCATO STATI UNITI VALE 108 MILIONI EURO

Le esportazioni di prodotti agricoli ed agroalimentare Made in Maremma tornano ai livelli pre-Covid anche se non riescono a replicare lo straordinario exploit del 2020 con 167 milioni di euro di prodotti venduti fuori dai confini nazionali. A dirlo è Coldiretti Grosseto sulla base dei dati definitivi dell’Istat relativi al 2021. “Il nostro sistema agroalimentare ha dimostrato di essere più forte della pandemia trascinato dalla performance straordinaria del vino e olio, da un paniere composto da ben 80 prodotti agricoli tradizionali e dalle produzioni di qualità Dop e Igp il cui valore alla produzione è salito a 111 milioni di euro secondo l’ultimo rapporto Ismea-Qualivita. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana e Delegato Confederale – In un contesto di grande incertezza l’agroalimentare è riuscito a fare meglio di ogni aspettativa tornando ai livelli di pre-pandemia e chiudendo il 2021 con un fatturato di quasi 160 milioni di euro in leggera flessione rispetto alla performance record di un anno prima”.

Flessione che si è attestata poco al di sotto del 5% con una fluttuazione del flusso di prodotti venduti all’estero di poco inferiore ai 7 milioni di euro e che ha interessato un po’ tutti i mercati di riferimento, da quello Europeo che ha registrato un rallentamento del 10% circa passando da quasi 34 milioni a 30 milioni a quello americano, il più importante per valore, con in testa gli Stati Uniti con una frenata del 7% per un valore che si è attestato a 108 milioni di euro. Circa il 60% delle esportazioni Made in Maremma volano verso gli Stati Uniti che si confermano il mercato principale dei prodotti del territorio. Bene le esportazioni in Germania (+14,5%) con 11 milioni di euro circa, meno in Francia (-21%) e soprattutto nel Regno Unito dove i vincoli della Brexit iniziano a farsi sentire (- 62%). Ininfluenti invece le esportazioni verso Russia e Ucraina con meno di 100 mila euro nel 2021. In aumento invece le importazioni dai paesi stranieri: 71 milioni di euro (+ 26%). A pesare sul futuro sono le nubi legate alle tensioni internazionali e del conflitto in Ucraina: “oggi è complicato capire in quale misura la congiuntura internazionale avrà sul trend delle esportazioni – analizza Milena Sanna, Direttore Coldiretti Grosseto – è invece molto più chiaro quali effetti devastanti stiano avendo sulle imprese agricole, sulle nostre stalle e sui nostri pescherecci a causa dei rincari, delle speculazioni internazionali e della difficoltà di approvvigionamento di materie prime ed energetiche. Un’impresa su cinque – spiega ancora – non è nelle condizioni, già oggi, di far fronte agli impegni finanziari e la loro sopravvivenza a breve termine è appesa ad un filo”.

Quali buone pratiche hai messo in atto nella tuo quotidianità per ridurre l’uso della plastica?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi